CALCIO: Andreola-Zanaboni selezionati da “Torino Academy”!

Torino – 15/02/2018

Ci sono tanti aforismi che accompagnano la nostra vita. Ognuno sceglie i propri a seconda del momento e delle situazioni che sta vivendo. Oggi a me, intanto che ascoltavo Francesca, Manuel e Samuel è venuto in mente Gérard de Nerval, scrittore francese che scrisse: l’esperienza di ciascuno è il tesoro di tutti!

E allora perché non raccontare di questa esperienza di Manuel Andreola e Samuel Zanaboni (e delle loro famiglie a supporto), classe 2005, che sono stati selezionati per una due giorni a Torino per veder osservate le proprie capacità calcistiche? I nostri due ragazzi degli Esordienti sono stati chiamati dagli osservatori della Torino Academy insieme ad altri ragazzi delle oltre 50 Academy granata d’Italia!

Abbiamo sentito loro e Francesca, la mamma di Manuel che, insieme al marito Ivan ha accompagnato le nostre giovani promesse a Torino. Ecco le loro risposte alle nostre curiosità.

Francesca, come si reagisce da genitori ad una chiamata del genere?

F: “E’ stato un avviso arrivato inaspettato, ed abbiamo valutato che poteva essere una bella esperienza per i nostri ragazzi. Li abbiamo visti entusiasti della cosa e quindi li abbiamo assecondati volentieri, e devo dire che è stata una bella esperienza anche per me e mio marito Ivan che li abbiamo accompagnati.”  

Come ti è sembrata l’organizzazione della due giorni torinese?

F: “L’organizzazione è stata ottima, hanno curato tutti gli aspetti. Ci hanno prenotato l’albergo per alloggiare e ci hanno dato i buoni pasto, era già tutto organizzato alla perfezione. I ragazzi hanno fatto una due giorni intensa: tre ore e mezza di allenamento il primo pomeriggio, due allenamenti da tre ore ciascuno il secondo giorno, con circa quattro partitelle inserite. Tutto il lavoro svolto a ritmi molto intensi, hanno lavorato parecchio e bene. Non c’è stato nemmeno un minuto in cui non sapessimo cosa fare, tutto perfetto.”

Mi dici che impressioni avete da genitori su questo binomio USBormiese Calcio – Torino Academy che stiamo portando avanti da due anni?

F: “Secondo me è una cosa molto utile per i ragazzi. Si percepisce chiaramente che a Torino Teo Coppola (responsabile Torino Academy ndr…) e i suoi vogliono educare i ragazzi e spiegare loro alcuni valori importanti per la loro crescita. Li hanno subito “messi in riga” (ride Francesca…), li hanno mandati a casa con dei messaggi molto importanti, oltre ad avergli fatto fare degli allenamenti molto belli. Pensa che gli hanno fatto capire che la Scuola viene prima di tutto! Che i lavori sono tutti da rispettare al massimo, dal muratore al magazziniere all’avvocato, che solo un calciatore su 36.000 arriva in serie A e altro! Anche in campo, gli hanno fatto capire che la comunicazione verbale tra ragazzi è importantissima, così loro imparano anche a interagire tra di loro. Cose importanti per noi genitori…”

Passiamo ai ragazzi, Manuel e Samuel. Innanzitutto come vi è sembrato il livello tecnico che avete trovato a Torino?

M: “Ci stavamo come livello, Non c’erano tutti sti fenomeni come si potrebbe credere, abbiamo capito che anche noi stiamo lavorando al livello degli altri.”

S: “Si ce n’erano 2/3 stra-forti, gli altri erano come noi… e ce n’erano anche di più scarsi! (e ride…)”

Come vi sentivate prima di andare a Torino? Agitati? Tesi?

S: “In macchina, durante il viaggio verso Torino, ero stra-agitato perché pensavo di essere il più scarso ed avevo un po’ paura. Poi mi sono reso conto che erano ragazzi al mio livello e mi sono tranquillizzato col passare del tempo. Io sono un’ala, corro tanto (…avrà preso qualcosa dal papà??), su e giù per la fascia, mi hanno provato anche da terzino, credo di aver fatto una bella figura, comunque ho dato il massimo!”

M: “I giorni precedenti la partenza ero agitato, pensavo di andare là e di non toccare nemmeno la palla in mezzo a dei fenomeni! Invece abbiamo preso coraggio, ci stavamo alla grande e abbiamo fatto vedere belle cose. Ho anche segnato un gol, io sono attaccante… Su un assist dalla sinistra, un cross basso, ho stoppato di destro e sempre di destro ho fatto un “tiro a giro” basso che si è infilato in rete! Bella soddisfazione!”

Questa la piccola storia di due ragazzi che hanno vissuto una bella esperienza che gratifica loro ma anche la Società USBormiese Calcio del Presidente Bazzeghini e gli staff tecnici del Settore Giovanile. Grazie alla Torino Academy riusciamo a vivere tutti insieme queste esperienze gratificanti!

Stefano Faifer (grazie a Francesca per le immagini!)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>