Alta Valtellina Trophy 2016: una grande festa per la Bormio Ghiaccio

Stavolta c’erano tante ragioni per organizzare e partecipare ad un grande evento come l’Alta Valtellina Trophy. La prima è sicuramente il compleanno dell’evento, 25 anni di successi e di grandi numeri; la seconda è legata ai 35 anni di attività del sodalizio che ha raccolto nel tempo una miriade si successi nazionali ed internazionali (con la società e con gli ateti passati poi ai corpi militari). Senza dimenticare momenti speciali per ricordare, coinvolgere, raccontare e condividere, proponendo anche occasioni ulteriori di confronto e sfida.
Ed a questo riguardo ricordiamo il Trofeo AVIS BORMIO (assegnato alla prima società classificata n base ad una speciale classifica di merito) che è stato conquistato dalla BORMIO GHIACCIO con 154 punti. Ma anche (qui nazionali e Bormio Ghiaccio erano fuori concorso) anche il Memorial SISTO CICONA, EMILIO RODIGARI e MASSIMO DEL PISTOIA è stato assegnato alla società VELOCISTI GHIACCIO TORINO, la società più numerosa presente alla manifestazione.

Altro elemento che contraddistingue l’Alta Valtellina Trophy è il premio che la società riconosce agli atleti nella prova dei 500 metri e nella gara delle staffette. A livelo di squadra e nazioni è la Russia a ad entrare ex novo nell’albo d’oro: si tratta della formazione junior C/D men che ha abbassato il record a 2’52”803. RECORD RELAY
Per quanto riguarda i 500 metri, ovvero i primati individuali, se n’è andato un vecchio primato, datato 2004 e firmato dalla canadese Jessica Gregg (44”804); a batterlo Lucia Peretti, la dominatrice dell’evento 2016, con il tempo di 44”329. Il lettone Roberts Zvejnieks (41”282), nella junior A maschile e il russo Kirill Shashin (41”696) nella categoria senior maschile sono gli altri due primatisti dell’edizione 2016. RECORD 500 METRI

Lasciamo ora il racconto sportivo dell’evento all’ex azzurra Katja Colturi sulle pagine de La Provincia di Sondrio.

Nella parte agonistica la regina incontrastata della fascia Seniores è stata l’azzurra di Bormio Lucia Peretti, vincitrice della classifica generale di categoria e detentrice del nuovo record della manifestazione sui 500 metri: 44”392.
Podio tutto azzurro nella fascia senior, con la veterana Cecilia Maffei seconda e Cinthya Mascitto terza. A seguire, Elena Viviani, Martina Valcepina e Arianna Valcepina. Al maschile dopo la vittoria sui 1500 metri e malgrado il forfait sui 500 metri, il campione di Valdisotto, Nicola Rodigari, alla soglia dei 35 anni si è dimostrato il migliore azzurro in gara. Per il Forestale di Valdisotto terza posizione generale alle spalle dei russi.
In casa della Bormio Ghiaccio, dodicesimo Mattia Antonioli con Marco Giordano 18°. Ottimi segnali in chiave futura sono pervenuti dalle giovani leve bormine allenate da Adelio e Michele Antonioli, Raffaele Spechenhauser.
Per gli altri risultati partiamo dalla fascia Junior D con Giacomo Pedrini e Pietro Castellazzi sul secondo e terzo gradino della generale. Ottavo Daniele Cola, 9° Davide Faifer, 11° Pietro Lanfranchi su Marco Comensoli e Giovanni Antonioli.
Nel femminile podio sfiorato per Noemi Della Moretta quarta, con Viola Simonini sesta, Veronica Lanfranchi nona, davanti a Marianna Pozzi, Alessandra Bertolina, Arianna Peloni e Federica Cola.Tra le Junior C secondo e terzo posto Elisa Confortola e Giorgia Bresciani, con Viola De Piazza 4a, Anna Spechenhsuser 5a, Ilenia Bradanini 7a, Margherita Pozzi 8a, Desire Pozzi 10a, Lucia Busi 12a.
Tra gli Junior B una caduta nell’ultimo giro dei 1500 metri ha tolto l’oro dal collo di Luca Spechenhauser a favore del compagno di nazionale Pietro Sighel. Pietro Marinelli era 5°, Damiano Alberti 12°. Nel femminile Gloria Confortola, penalizzata dalla squalifica nella finale dei 1000, si è dovuta accontentare della 5a posizione generale.

CLASSIFICHE COMPLETE SU SHORTTRACKONLINE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>